ALTRI 19 CLANDESTINI A VERONA

  Ieri sono arrivati a Verona i primi 19 immigrati irregolari del 2018. Sbarcati nel porto di Catania dopo essere stati recuperati dalle Ong davanti alle coste della Libia nell'ambito di quella vergognosa operazione di commercio di materiale umano finalmente denunciata dal ministro degli ineterni Salvini, sono stati portati a Marghera e da lì sono stati portati nella nostra città su ordine della Prefettura. Gli africani sono stati alloggiati nelle strutture che già ne ospitano 1585 arrivati l'anno scorso su un totale di 2.362 che stanno nei cosiddetti centri d'accoglienza. E' noto che di questi solo il 13% è stato dichiarato avente diritto d'asilo dalla Commissione per il riconoscimento della protezione internazionale. 2.362 persone mantenute a 35 euro al giorno per la bella cifretta compressiva di 82.670 euro al giorno. In un anno ciascuno di questi ragazzotti, perchè di ragazzotti robusti e muniti di cellulare si tratta, ci viene a costare 12.775 euro. Tutti quanti insieme ci costano 30 milioni e 174.550 euro all'anno! E poi ci vengono a dire che la spesa per i rimpatri sarebbe troppo alta! Così per le strade della nostra città, davanti ai negozi ed ai supermercati, nei giardini e davanti alla chiese ci saranno diciannove africani in più a chiedere la carità. Per chi lavora e si reca magari di corsa al supermercato a fare un po' di spesa fa sempre un certo effetto vedere questi ragazzotti, per nulla sofferenti, per nulla denutriti e sorridenti, calzando scarpe da ginnastica nuove delle varie marche, che chiedono l'elemosina. Gli unici ad essere contenti di questo stato di cose sono quelli che sull'immigrazione ci hanno fatto un business. Eh sì, perché dei 35 euro giornalieri nelle tasche degli africani andranno sì e no 5 euro. Gli altri 30 se li incamerano quei furbacchioni che gestiscono i centri d'accoglienza e, detratte le spese, sono davvero un bel business.
CONDIVIDI
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •