FOOTBALL AMERICANO: I REDSKINS PRIMI

Da oggi la redazione di Mysquares inizia ad occuparsi di una realtà sportiva di nicchia, ma molto vitale. Il football americano veronese è ormai una realtà consolidata nel panorama delle attività sportive della nostra provincia. La squadra dei Redskins è stata fondata nel 1981, l'ottava società sul territorio nazionale. Il campo "di casa" è a S.Giovanni Lupatoto ( il Nino Mozzo) Con l’ultima vittoria conseguita in trasferta, sul terreno degli Hurricanes Vicenza, il football americano veronese vola al primo posto del girone di III Divisione con i Redskins Verona. Era da tempo che nei campionati federali di american football gli scaligeri mancavano l’importante méta di una primato di girone. Oggi si è quindi raggiunto un primo importantissimo obiettivo grazie alla tenacia di una squadra che ha sempre saputo rinascere se non dalle proprie ceneri, perché i 37 anni di attività ininterrotta sono sotto gli occhi di tutti, ma dai passaggi difficili che ha incontrato in questi anni. Questa volta era stato il repentino abbandono di una parte importante del coaching staff quasi a ridosso dell’inizio di campionato a costringere la squadra a correre ai ripari, Ma con una grande, personale assunzione di responsabilità di ogni singolo giocatore deciso a far valere i propri colori, i Redskins si sono battuti partita dopo partita in un girone da considerarsi certamente tra quelli impegnativi e non solo hanno resistito, ma sono arrivati primi. Sotto la direzione di coach Michele Fabbrica, assistito da Domenico Cundari, responsabile di un comparto difensivo tra i migliori in campionato, quindi da Giacomo Aiello per gli special team, Andrea Martini per le linee e dai tutor Federico Corradi e Massimiliano Capon la squadra ha perseguito una volontà di crescere e vincere come da tempo non si realizzava. Adesso rimangono in attesa di sapere i prossimi incontri di play-off contro chi e su quale terreno verranno giocati in base al ranking federale, ma l’entusiasmo è chiaramente alle stelle.
CONDIVIDI
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •