POLIZIA MUNICIPALE. STOP ALLE INSISTENZE DI CHI CHIEDE FONDI/FIRME. SINDACO FIRMA ORDINANZA DI DIVIETO

"Da domani sabato 14 aprile, fino al 15 agosto è vietata l’attività di raccolta fondi e di firme da parte di soggetti privi dell’apposito spazio con banchetto ben identificabile.  Il fenomeno della raccolta fondi itinerante, effettuato da decine di soggetti che la svolgono inseguendo e bloccando i passanti, talvolta con atteggiamenti molesti, è stata ripresa da numerose telecamere in piazza Erbe, via Mazzini e via Cappello. Al fine di tutelare veronesi e turisti, il Sindaco ha firmato l’ordinanza che sanziona i soggetti che, sul territorio comunale, effettuano la raccolta fondi in maniera itinerante, spesso con atteggiamenti molesti. Fenomeno, questo, ancora più frequente in occasione dei grandi eventi, quando la richiesta di soldi ai passanti, in maniera sistematica e petulante, avviene nelle vie principali del centro storico, davanti agli ingressi degli ospedali e delle case di cura, nei piazzali delle stazioni, nei mercati, alle fermate degli autobus urbani ed extraurbani e nei luoghi di maggiore frequentazione. La violazione all’ordinanza comporta l’applicazione di una sanzione amministrativa pecuniaria da 25 a 500 euro, con facoltà per il trasgressore di estinguere l’illecito mediante il pagamento, in misura ridotta, della somma di euro 50 e la sanzione accessoria della confisca amministrativa del denaro provento della violazione e di eventuali attrezzature impiegate nell’attività." Questo il comunicato stampa del Comune con cui s'annuncia il provvedimento assolutamente opportuno per non molestare i cittadini veronesi, ma anche i turisti che affluiscono in città. Ma anche per non offrire spazi ad attività che nascondono un aspetto truffaldino. Peccato che il provvedimento si fermi a Ferragosto. L'Amministrazione ha giustamente e finalmente colto l'aspetto fastidioso dei postulanti che richiedono "offerte" finalizzate agli scopi più vari: "contro la droga", "contro il cancro", "contro la guerra" ecc. E' evidente che nella stragrande maggioranza dei casi sono scuse per intascare qualche euro dagli sprovveduti che ci cascano. C'è anche un'altra "raccolta fondi" che continua ovunque, davanti a supermercati, ai negozi, alle chiese e agli angoli delle strade. E' quella non meno cospicua che accattoni di ogni etnia esercitano nella nostra città indisturbati. Anche su questo fenomeno è necessario un deciso intervento.  
CONDIVIDI
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •