Progetto Controllo del Vicinato

E’ stato presentato ieri in sala Arazzi il progetto Controllo del Vicinato, promosso dal Comune in collaborazione con l’Associazione Controllo del Vicinato, per rafforzare la collaborazione tra le istituzioni, i cittadini e le forze dell’ordine e migliorare la sicurezza urbana.
L’iniziativa prenderà avvio, in via sperimentale, con incontri informativi nelle Circoscrizioni 4ª, 5ª e 6ª, per poi raggiungere tutte le Circoscrizioni cittadine. Il primo appuntamento è per martedì 28 febbraio, alle ore 21 al Centro Tommasoli in via Perini in Borgo Santa Croce. Ad illustrare il progetto è stato il Sindaco Flavio Tosi; presenti i consiglieri comunali Maria Katia Forte e Ansel Davoli, i presidenti della 4ª Circoscrizione Paolo Rossi, della 5ª Alberto Caliari e della 6ª Mauro Spada, il commissario della Polizia municipale Davide Zeli, il vice presidente dell’Associazione Controllo del Vicinato Leonardo Campanale insieme alla coordinatrice Paola Dell’Asta. “Il tema della sicurezza è molto sentito dai cittadini – ha detto il Sindaco – che spesso si organizzano in gruppi autonomi per cercare di contrastare ladri e malviventi che si aggirano nei loro quartieri. Il controllo del vicinato è uno strumento pragmatico, serio e gratuito – ha aggiunto Tosi – che va a rafforzare l’attività delle forze dell’ordine attraverso la formazione di gruppi di cittadini che collaborano per fare del quartiere un luogo sicuro”. L’obiettivo del progetto, è quello di accrescere il comune senso civico, coinvolgendo attivamente i cittadini e rafforzare la fiducia nelle persone residenti nello stesso quartiere e nelle istituzioni. Dopo un’adeguata formazione, i cittadini dovranno osservare e segnalare alle forze dell’ordine anomalie significative, senza agire direttamente ed evitando situazioni di pericolo. Durante la fase di formazione, a cura dell’Associazione Controllo del Vicinato, sarà consegnato a tutti i cittadini un manuale con le regole e le indicazioni per la corretta partecipazione al progetto. Sarà fornita anche una specifica cartellonistica da posizionare nei quartieri, quale ulteriore deterrente per i malintenzionati.
CONDIVIDI
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •