On line la seconda fase del questionario: Verona per la Sussidiarietà

On line la seconda fase del questionario “Verona per la Sussidiarietà”.
Lo ha annunciato il presidente del Consiglio Luca Zanotto che, insieme all’assessore ai Servizi sociali Anna Leso, ha presentato lunedì mattina i risultati della prima fese di consultazione pubblica effettuata dal Comune di Verona tra l’11 luglio ed il 31 agosto di quest’anno. Presenti il consigliere comunale Luca Mantovani, tra i promotori dell’iniziativa, ed il consigliere Katia Maria Forte, presidente della Commissione consiliare prima, competente per la promozione di nuove iniziative alla cittadinanza. “A seguito dell’approvazione a marzo 2015 della delibera consiliare sul tema della sussidiarietà – spiega il presidente Zanottoè stata avviata, durante l’estate, una prima consultazione pubblica che ha interessato, tra associazioni e singoli cittadini, circa 184 soggetti. Un percorso di confronto che vuole innanzitutto capire come la collettività vive e percepisce la sussidiarietà, per arrivare ad attivare nuove collaborazioni con la cittadinanza e le associazioni presenti sul territorio”. “Un’occasione di consultazione e di confronto con la popolazione – dichiara l’assessore Lesosostenuta dall’Amministrazione comunale per promuovere la sussidiarietà e comprendere, in particolare, cosa sia già attivamente realizzato dalla collettività e cosa, in futuro, sarà possibile fare in favore delle diverse necessità sociali. L’obiettivo, infatti, è quello di individuare, in maniera trasparente, le modalità attraverso cui il Comune di Verona può essere d’aiuto ai cittadini ed arrivare alla stesura condivisa di un Regolamento per la Sussidiarietà, come richiesto nell’atto di indirizzo approvato dal Consiglio comunale”. “La sussidiarietà è già una realtà concreta a Verona – rileva il consigliere Mantovanil’obiettivo è ora quello di fare sintesi e di restituire le molte informazioni ricevute sotto forma di un regolamento comunale che possa essere di concreto sostegno alle tantissime associazioni ed ai molti cittadini che da anni si impegnano attivamente a favore della collettività”. Sulle pubbliche funzioni i punti di maggior rilievo evidenziati dalla cittadinanza nella prima consultazione risultano: sostegno alle autonome iniziative di chi intende impegnarsi nell’ambito della sussidiarietà; cura per la vita di comunità ed aumento della partecipazione della cittadinanza sulle decisioni di pubblico interesse; l’educazione alla cittadinanza; la salubrità dell’ambiente ed il diritto alla salute. Il secondo questionario e i risultati della prima consultazione sono visibili on line all’indirizzo http://www.comune.verona.it/nqcontent.cfm?a_id=53266.
CONDIVIDI
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •