Progetto Arsenale, Navarra:”l’idea è completarlo in 3 anni”

E' stata presentata ieri in sala Marani la proposta di ristrutturazione dell'Arsenale di Verona, argomento che da qualche tempo sta interessando non poco la città e specialmente il quartiere di Borgo Trento. Promotore e finanziatore di questo progetto è il Dottor Attilio Maria Navarra, presidente di Italiana Costruzioni, realtà di riferimento nazionale nel settore dell'edilizia civile, la quale ha già preso parte al famoso restauro della Villa Reale di Monza, patrimonio della città lombarda che da quasi un secolo era lasciato all'incuria e all'abbandono. La Villa è diventata, grazie al contributo di Italiana Costruzioni, un luogo polifunzionale che comprende gli ambiti dello spettacolo, della cultura e del food&drink. Più o meno la stessa cosa si sta pensando di fare con l'Arsenale, luogo per il quale, almeno una volta, sono ormai passati tutti i veronesi e che da anni si presenta come luogo di degrado. Queste le parole di Navarra in merito al progetto:"l'essenziale per ultimare questo progetto è la partnenrship tra pubblico e privato, nella quale il primo rimane il proprietario dei beni, ma il secondo investe delle risorse e mette una specializzazione a servizio. L'obiettivo primario di questo progetto è restituire il bene monumentale alla comunità, attraverso una stabilità economica, finanziaria e culturale. Per valorizzare questo tipo di beni, come l'Arsenale, bisogna permettere ai cittadini di identificarcisi e per questo motivo le attività che verranno sviluppate all'interno dovranno rispettare il tema del luogo: sarebbe poco consono, per dire, aprirci un centro commerciale o qualcosa di simile. Quello che vogliamo è che l'Arsenale di Verona diventi un luogo di attrazione e non solo di passaggio, un luogo basato, tra le tante idee, anche su quella della "Città del Gusto", che includerà, oltre al cibo e al vino, anche una zona dedicata all'esposizione di arte contemporanea. Non escludiamo che il progetto venga completato nel giro di 36 mesi, e stiamo trattando con l'amministrazione per ultimare i lavori in un'unica fase, anche se il progetto ne prevederebbe due". Anche se le parole di Navarra hanno suscitato qualche polemica all'interno della sala, la maggior parte dei presenti sembrava molto interessata all'avanzare del progetto, che, a sentire Navarra e collaboratori, dovrebbe partire l'estate prossima con l'inizio dei lavori. Riccardo Padovani
CONDIVIDI
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •