Chievo: incognita per la panchina

Dopo una stagione a dir poco esaltante, la società della Diga vuole muoversi in anticipo per ripetersi l'anno prossimo. Il primo problema da risolvere è quello legato alla panchina: dopo due ottime stagioni passate alla guida del Chievo, sembra che Maran abbia voglia di nuovi stimoli. Il presidente Campedelli non vorrebbe certo privarsi dell'ex tecnico di Catania e Varese, ma sembra che quest'ultimo abbia già preso contatti con l'Atalanta. La società bergamasca ha come obiettivo primario Cesare Prandelli, ma quest'ultimo sembra ad un passo dalla Lazio, che ha già esonerato Stefano Pioli, il quale sembra voler accasarsi all'Anderlecht, in Belgio. Ovviamente bisognerà aspettare ulteriori sviluppi, ma Campedelli nel frattempo si sta già guardando intorno per sostituire Maran e i nomi caldi per la panchina del Chievo, in questo caso, sono molti: la prima soluzione condurrebbe ad un clamoroso scambio di guida tecnica con l'Atalanta, che prenderebbe Maran dal Chievo e lascerebbe a Eddy Reja tutta la libertà di partire per Verona. La seconda opzione sarebbe Davide Nicola del Bari, appena eliminato dai play off di Serie B. Ma la società della Diga sta sondando anche Massimo Oddo, che col Pescara, in Serie B si giocherà presto le semifinali dei play off, e Roberto Stellone, reduce da un'ottima stagione in A col Frosinone, nonostante abbia chiuso al penultimo posto. Il tecnico romano, contattato in questi giorni anche dall'Hellas, ha espressamente affermato che preferirebbe rimanere ad allenare nella massima categoria, e quindi la destinazione "Via Galvani" potrebbe risultare di suo gradimento. Vacante anche la posizione di Giampiero Gasperini, che a Genova non resterà: il tecnico rossoblù sarebbe l'opzione numero due per i bergamaschi, nel caso ci dovessero sorgere complicazioni per Maran. Se quest'ultimo dovesse arrivare a destinazione, a quel punto a Gasperini potrebbe non dispiacere troppo l'opzione Chievo. Nei prossimi giorni si saprà sicuramente qualcosa di più.
CONDIVIDI
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •