Ex Arsenale: Presentato il progetto di recupero e valorizzazione

Il Sindaco Flavio Tosi ha partecipato, ieri mattina, a Villa Reale a Monza, alla presentazione del progetto di recupero e valorizzazione dell'ex Arsenale proposto da Italiana Costruzioni e Navarra Gestioni, attraverso il marchio "Valore restauro sostenibile".

Presenti il presidente di Italiana Costruzioni Attilio Navarra, i progettisti dello studio 5+1AA Alfonso Femia e Giorgio Ferrari, gli assessori all'Edilizia monumentale Edoardo Lana e allo Sport Alberto Bozza e i consiglieri comunali Marco Bacchini, Katia Maria Forte, Antonia Pavesi e Fabio Segattini.

"Ringrazio i fratelli Navarra e Italiana Costruzioni - ha detto Tosi- per aver preso a cuore il recupero dell'ex Arsenale e per aver proposto alla città di Verona questa importante operazione. Una visione affascinante e avveniristica del complesso asburgico, con una corte centrale coperta in vetro e acciaio che consentirebbe anche di vedere la città dall'alto; una rivisitazione moderna degli spazi pubblici capace allo stesso tempo di mantenerne inalterato il valore storico. Ovviamente si tratta di un percorso che avrà tempi e modalità stabiliti dalla Legge e di cui si dovrà valutare la sostenibilità economico-finanziaria, oltre che la riqualificazione e la gestione degli spazi attraverso fasi di confronto con la Soprintendenza, il Consiglio comunale, la Giunta e la Circoscrizione. Ad oggi, l'avere a che fare con una societá leader in Italia per il restauro dei beni storici del Paese è già una garanzia di buon esito di questa operazione".

arsenale progetto 2

Il progetto si propone di realizzare una copertura nella corte centrale, opera d’arte essa stessa, concepita secondo una sequenza di profili che rimandano ad alcuni profili compositivi dell’Arsenale (il timpano di ingresso) e si piega, seguendo una geometria variabile e asimmetrica, come un foglio che varia nella sua natura, da completamente trasparente a parzialmente coperta, attraverso inserti differenti come foglie di ceramica e losanghe di vetro. Questa nuova architettura di vetro qualifica e caratterizza lo spazio pubblico sottostante e “segnala” alla città questo luogo speciale, che si offre come spazio pubblico attrezzato protetto, per eventi culturali all’aperto; una grande galleria d’arte all’aperto che si presta per esporre opere d’arte di grandi dimensioni ed ospitare concerti, performances ed altri eventi culturali.

arsenale progetto 3

Le funzioni previste nella proposta si articolano in Funzioni Principali e Funzioni Complementari (nel pieno rispetto delle norme urbanistiche vigenti per l’ambito dell’Arsenale).

  • Funzioni Principali: attività espositive, spazi congressuali, spazi per attività culturali, formative e ricreative.
  • Funzioni Complementari (max 1/3 della S.U.L.): bookshop, caffetterie, piccoli negozi tematici, esercizi pubblici (sul modello della “Città del Gusto”) e servizi direzionali.
La presenza di attività complementari è funzionale a rendere più efficaci ed attrattive le funzioni principali di interesse pubblico più generale, garantendo la vitalità quotidiana degli spazi.   arsenale render   Investimento complessivo: 44,1 milioni di Euro. Contributi Pubblico: 12.0 milioni di Euro. Durata della Concessione: 50 anni. Oneri a carico del Concessionario: - progettazione definitiva ed esecutiva; - realizzazione delle opere di restauro e dei nuovi interventi, utilizzando il contributo pubblico e per la differenza capitale proprio e di debito; - gestire l’intero complesso per la durata della Concessione, facendosi carico della manutenzione ordinaria e straordinaria degli edifici e delle aree esterne, della vigilanza e sicurezza, della gestione energetica; - canone di concessione a favore del Comune (parte in misura fissa e parte in misura variabile in funzione dei ricavi derivanti dalla gestione). Le modalità di utilizzazione degli edifici e degli spazi aperti dell’Arsenale vengono regolate da una apposita Convenzione tra Comune e Concessionario, che dovrà garantire la fruizione degli spazi con finalità prevalentemente pubbliche. La proposta di Finanza di Progetto sarà sottoposta a gara pubblica di tipo europeo, come previsto dalla normativa vigente; l’Amministrazione Comunale Concedente definirà i criteri e le modalità di gara, indicando gli aspetti che potranno essere oggetto di proposta migliorativa in sede di gara.  
CONDIVIDI
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •