Bobby solo festeggia il compleanno ai “Du Schei” a Verona

Non sono molti a sapere che Bobby Solo si chiama all'anagrafe Roberto Satti. E sono ancora meno quelli che sanno che lui è sì nato a Roma e parla con un chiaro accento romano, se pur mitigato dal fatto che sono molti anni che vive nel nord Italia, ma che nelle sue vene scorre sangue giuliano e friulano, essendo i genitori triestini.  Da quella volta che nel 1964, a soli dicannove anni, timido, timido, si presentò sul palco del Festival di S.Remo a cantare “Una lacrima sul viso” è diventato  uno dei cantanti più amati dagli italiani. Sarà per quella vittoria mancata – Bobby fu costretto a cantare il playback per una laringite e quindi venne “squalificato”-, sarà perchè la “lacrima” ottenne la vittoria morale con le vendite di dischi ed il successo popolare, fatto sta che Bobby Solo diventò un numero uno. La sua carriera, iniziata allora, si è snodata per mezzo secolo con molti successi, ma il successo più grande di Roberto Satti è quello di essere riuscito a mantenersi un posto nel cuore degli italiani oltre che per la sua bellissima voce, per la sua simpatia e per la sua serietà professionale. Nato come uno dei tanti emuli di Elvis Presley, ha saputo mantenere il contatto con le sue radici musicali pur rimanendo al passo coi tempi.

Oggi abita ad Aviano, ma è molto legato a Verona perchè ha abitato nella zona per molti anni. L'anno scorso ha voluto festeggiare i suoi settant'anni al ristorante “Du Schei” di Piazza Isolo, dei cui proprietari, Elio ed Oriana, è amico. Lo farà anche quest'anno, e precisamente venerdì 18 marzo con una festa assieme ai più affezionati amici dei “Du Schei”, ristorante di grande atmosfera e di grande cucina, che con una cadenza quasi mensile organizza delle serate musicali di qualità con i protagonisti della musica degli anni '60.   E lo farà a modo suo, cantando e suonando i suoi successi e quelli dei mitici anni 50' e '60 con il suo gruppo formato da grandi musicisti, fra i quali spicca la new entry della giovanissima Silvia Zaniboni alla chitarra solista. Sarà una serata stupenda. Esattamente come le altre. Bobby ai “Du Schei” è ormai di casa.

 
CONDIVIDI
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •