Chievo: tornano Meggiorini e Hetemaj

Dopo la battuta d’arresto del derby il Chievo ( Verona 3 - Chievo 1) si accinge a ripartire dal Genoa, che incontrerà al Bentegodi domenica prossima alle 15. La sconfitta con l’Hellas, vista la posizione di sostanziale tranquillità che gli conferisce il piazzamento a metà classifica, è da considerarsi un incidente di percorso. La prestazione è stata deludente, come hanno ammesso gli stessi giocatori ed il mister Maran, ma va spiegata come la conseguenza di un calo di tensione più che come un campanello d’allarme. Quindi un passo falso giustificato anche dal momento reso particolarmente critico dal grande numero di assenze. Sono ben tredici i giocatori facenti parte della rosa della prima squadra che per un motivo o per l’altro mancano all’appello. Infortuni di vario genere hanno tenuto lontani dal campo giocatori fondamentali come Perparjm Hetemaj,  per un problema alla caviglia destra, e Riccardo Meggiorini, per uno stiramento al muscolo flessore destro, rispettivamente punti di riferimento essenziali del centrocampo e dell’attacco della squadra della Diga.

Stando agli ultimi bollettini medici sembra che Maran possa ben sperare di averli a disposizione, dopo due mesi di assenza, nella partita casalinga con il Genoa. Entrambi hanno ricominciato ad allenarsi con il resto della squadra e sembrano ormai pronti per scendere in campo. Lo stesso dicasi per un altra importante pedina del centrocampo: Simone Pepe.  La loro presenza potrebbe essere la scintilla che permette al Chievo di riaccendere i motori.

Non saranno invece disponibili Alessandro Gamberini, per una lesione al muscolo flessore sinistro, Mariano Izco, per una lesione al legamento crociato anteriore destro, Federico Mattiello, per la nota frattura della tibia destra, Giampiero Pinzi e Nicolas Spolli squalificati, il primo per somma di ammonizioni ed il secondo per l’espulsione subita, per secondo cartellino giallo, in occasione del fallo in area su Toni che ha fruttato al Verona il primo gol.

CONDIVIDI
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •